Via Piersanti Mattarella 38/42 Palermo

IL NUOVO CURRICULUM ISP: EDUCAZIONE PER IL 21° SECOLO NEL MONDO GLOBALIZZATO

Educazione per il 21° secolo nel mondo globalizzato – Formazione IB e tradizione dell’Istituto Gonzaga

Lo scopo dell’IB (International Baccalaureate Organization) è quello di formare giovani con curiosità intellettuale, competenti e generosi che contribuiscono a creare un mondo migliore e più pacifico attraverso la comprensione interculturale e il rispetto per gli altri.

I programmi IB incoraggiano gli studenti in tutto il mondo a diventare studenti attivi, compassionevoli, in continua formazione, che capiscono che le altre persone, con le loro differenze, possono anche essere giuste.

L’obiettivo dell’educazione dei gesuiti, rappresentata a Palermo dall’Istituto Gonzaga, si esprime oggi come la “formazione di uomini e donne per gli altri, persone di competenza, di coscienza e di impegno compassionevole a Dio, gli altri e con il mondo; vale a dire, la formazione di tutta la persona all’interno della tradizione dell’istruzione gesuita per eccellenza accademica e per il servizio alla società.

L’International School Palemo, nata nel 2008 all’interno dellIstituto Gonzaga (ma distinta dalla scuola italiana, dato il suo statuto di scuola “straniera”), dal 2013 è accreditata come “IB World School”, e sta per completare la sua scuola media inferiore (“Middle School”).

Oggi, in vista del liceo (“High School”) si apre ancor più alla città di Palermo e alla Regione Sicilia come l’unica vera scuola internazionale in questo territorio accreditata con il programma di International Baccalaureate, presente e riconosciuto in tutto il mondo.

Pur non essendo una scuola italiana, l’ISP è in grado di preparare gli studenti per un esame e un diploma finale del tutto equivalenti ai diplomi liceali italiani (legge 738/1986).

Nella continuità con gli anni passati, proseguendo verso il diploma, l’ISP presenta per l’anno scolastico 2017/18 alcune importanti novità e si propone adesso nella sua interezza, con un piano di studi completo, dai 2 ai 18 anni di età.

 

Novità nel PYP (Primary Years Programme)

Il PYP dell’ISP è accreditato dal 2013 e nella primavera 2018 è prevista la “visita di valutazione” periodicamente prevista dal sistema IB. In questo ordine di studi sono stati ridefiniti meglio i tre diversi gradi interni di istruzione (Nursery, Early Years, Elementary) e il curriculum è stato riordinato in un unico programma didattico che assorbe la precedente distinzione tra programma inglese e programma italiano. Il curriculum così diventa al contempo più internazionale e più in grado di evidenziare al suo interno gli elementi della cultura del territorio (Palermo – Sicilia – Italia).

Nursery: pur non essendo compresa nel programma IB, è un’offerta educativa in più per i bambini di due anni, integrata con gli anni di prescuola successivi. Si utilizza prevalentemente l’inglese per formare fin dalla più tenera età un naturale bilinguismo con l’italiano parlato in famiglia.

Early Years: la prescuola si compone di due classi, Kindergarten (età 3 anni) e Transition (età 4 anni), nelle quali per 30 ore settimanali circa viene utilizzato l’inglese e per circa 5 ore l’italiano.

Elementary: sei classi (E1 – E6) che costituiscono i primi 6 “grades” di scuola. Per circa 27 ore settimanali si usa l’inglese e per 8 ore l’italiano.

In tutte le classi di PYP sono previsti due insegnanti “generalisti”, che oltre alla lingua da loro stessi parlata (inglese, italiano nelle percentuali di tempo previste) insegnano, man mano, anche altre materie (“Studi sulla Società” ossia contenuti di Geografia e Storia, Matematica, Arti, Scienze, Educazione Fisica Sociale e Personale). Gli insegnanti specialisti sono previsti per Musica (compresa nell’insegnamento delle Arti) e per Educazione Fisica Sociale e Personale.

 

 

Programma integrato “transdisciplinare” PYP

Dal 2017/18 le due lingue di istruzione vengono entrambe utilizzate non solo per insegnare le rispettive lingue, ma anche per affrontare le “Unità di Ricerca” attorno alle quali si struttura l’insegnamento delle singole materie nel PYP: Chi siamo, Dove siamo (tempo e luogo), Come ci esprimiamo, Come funziona il mondo, come organizziamo noi stessi, Condividere il pianeta.

 Gli insegnanti (non importa se di lingua inglese o italiana) avranno tutti la preparazione IB perché devono condividere il metodo di insegnamento e di valutazione. È importante e prevalente nel tempo scolastico l’inglese perché all’ISP è utilizzata come principale lingua di istruzione in tutto il percorso di studi fino al diploma, ma è altrettanto importante l’italiano perché come lingua madre di quasi tutti gli allievi dell’ISP è la via attraverso cui si apprende la cultura del territorio.

Gli insegnanti che parlano italiano non insegnano solo la lingua italiana, ma condividendo le unità di ricerca con gli insegnanti di lingua inglese forniscono agli allievi ISP il vocabolario essenziale dei contenuti delle varie discipline da apprendere anche nella loro lingua madre. In questo modo gli allievi vengono preparati contemporaneamente, con unica metodologia e unico programma, al seguito del percorso internazionale e all’esame italiano di ammissione alla prima classe “di scuola secondaria di primo grado” (ovvero alla scuola media), richiesto per poter sostenere, successivamente, l’esame di terza media, che chiude in Italia il primo ciclo di istruzione.

Il percorso internazionale si conclude nell’ultimo anno di PYP con l’“Exhibition” che è l’esposizione di una ricerca approfondita e collettiva su problemi della vita reale e del territorio dove vivono.

 

Novità nella Middle School

Implementazione del programma di studi: già dal corrente anno scolastico 2016/17 si è iniziato a modificare l’assetto del curriculum, che era stato impostato sul modello di “Cambridge One” ossia sul modello inglese esportato nel mondo a cura di una speciale struttura dell’Università di Cambridge. I cambiamenti riguardano il sistema di insegnamento, il metodo della valutazione, e i contenuti didattici.

 

Sistema di insegnamento transdisciplinare: l’insegnamento, anche se impartito attraverso docenti con competenze disciplinari, viene riorganizzato adesso, in vista del passaggio al sistema MYP, con una pianificazione di unità didattiche che permette di trattare diversi argomenti nella loro propria complessità, cioè come visti e considerati da diverse materie. In questo modo gli allievi imparano non solo le “tecniche” delle singole discipline ma anche a vedere la complessità della realtà che li circonda.

 

Valutazione secondo parametri internazionali: all’ISP è già stato adottato il sistema di valutazione internazionale MYP, che prevede che i voti intermedi e finali, da 1 (minimo) a 7 (massimo), siano dati tenendo presenti quattro “criteri” per ogni disciplina, in modo che ogni studente abbia la possibilità di migliorare in ciò che in ogni materia è per lui più difficile, assistito in ciò opportunamente dal docente.

 

Contenuti coerenti con la necessità di proseguimento in una International School in Italia: nelle prime tre classi di “Middle School” (da M1 a M3) attenzione all’esame di terza media. Essere internazionali non vuol dire dimenticare né annullare le proprie origini. Per questo motivo i contenuti di studio tengono presenti le esigenze dell’esame italiano conclusivo del primo ciclo di istruzione.

 

Programma integrato: piano orario triennale dei primi tre anni di scuola media

Per le prime tre classi di scuola media è stato impostato un nuovo piano orario che soprattutto nei primi anni di applicazione sarà possibile adattare nei particolari per rispondere ancora meglio

– alle esigenze degli allievi,

– alle richieste del MYP,

– alle domande delle scuole italiane dove si andrà a sostenere l’esame di terza media.

Il nuovo piano orario settimanale (35 lezioni scolastiche di 50’ alla settimana) dei primi tre anni di Middle School può dunque prevedere in totale:

Lingua A: Inglese 16 ore. Italiano 16 ore

Lingua di acquisizione: Spagnolo 9 ore

Individui e Società: 11 ore (prevalentemente in inglese nei primi due anni, in italiano nel terzo anno)

Matematica: 16 ore (prevalentemente in inglese)

Scienze: 10 ore (prevalentemente in inglese)

Tecnologia: 9 ore (prevalentemente in inglese)

Arti: 12 ore (disegno artistico e storia dell’arte, musica) (parte in inglese, parte in italiano)

Educazione Fisica e alla Salute: 6 ore (in inglese o in italiano)

 

I primi due anni del liceo italiano corrispondono agli ultimi due anni della Scuola Media ISP (4^ e 5^)

Il liceo “High School” dell’ISP si comporrà a partire dal 2018/19 di 4 anni di scuola, due ancora come MYP e i due finali con il programma didattico di preparazione all’esame di Baccalaureato, il Diploma Programme (DP). Si arriva alla High School tramite la valutazione positiva dal terzo anno di Middle School (che interessa all’ISP più dell’esito dell’esame italiano). Potranno essere ammessi anche nuovi studenti esterni che oltre che aver superato l’esame italiano di terza media possano dimostrare il livello B2 di Inglese e una preparazione rigorosa in Italiano e Matematica.

Con qualche possibile adattamento il piano orario settimanale previsto per i primi due anni di liceo, ossia per le classi 4M e 5M, (32 ore settimanali di scuola) sarà in totale:

Lingua A: per gli studenti di provenienza interna: Italiano 12 ore, Inglese: 10 ore; per i nuovi iscritti di provenienza italiana: Italiano 10 ore, Inglese: 12 ore

Lingua di acquisizione: Spagnolo 7 ore

Individuals e Societies: 7 ore (solo in inglese)

Mathematics: 8 ore (solo in inglese)

Chemistry, Biology, Physics: 12 ore (4 per materia, solo in inglese)

Design and Technology: 4 ore (solo in inglese)

Physical and Health Education: 4 ore (in inglese)

 

Il Diploma Programme (DP)

Dal 2020 il corso d studi arriverà al Diploma Programme, ossia agli ultimi due anni nei quali si prepara l’esame finale. Al corso si potranno iscrivere anche gli studenti provenienti dal sistema italiano dopo tre anni di liceo, in possesso però di un’ottima conoscenza di inglese (livello minimo richiesto: C1).

Il corso prevede tre materie a livello standard e tre a livello alto. Ad esempio per il diploma ad indirizzo linguistico Italiano, Inglese, Spagnolo a livello alto e Matematica, una materia umanistica e una scientifica a livello standard. Per il diploma ad indirizzo scientifico Italiano, Inglese e Matematica a livello alto, due materie scientifiche e una materia umanistica a livello standard.

Inoltre per l’esame gli allievi seguiranno un corso biennale di “Teoria della Conoscenza”, dovranno scrivere una specifica tesi (con parametri rigorosi) su una disciplina di loro scelta e avere almeno 150 ore di impegno attestato in attività di Creatività, Sport, Volontariato (Creativity, Action, Service).

 

Esami del curriculum

Nel percorso ISP gli allievi trovano i seguenti esami:

  • In classe E6, al termine del PYP: l’Esame italiano di Ammissione alla prima classe della secondaria di primo grado;
  • In classe M3, al termine dei primi tre anni di Middle School: l’Esame italiano di Stato conclusivo del primo ciclo istruzione;
  • In classe M5, al termine del MYP: il Personal Project (che viene valutato anche esternamente) e un esame interno su tutte le materie. È inoltre possibile per i richiedenti una valutazione individuale esterna IB con certificazione (non obbligatoria e non valida in Italia)
  • In classe D1 (la prima del biennio terminale) sarà possibile un esame interno.
  • In classe D2 l’Esame Finale per il Diploma di Baccalaureato Internazionale.

 

Il valore aggiunto internazionale rispetto al curricolo nazionale

L’ISP adotta il curriculum internazionale IB che non dipende da alcuna autorità nazionale di istruzione (governo, ministero, ecc.) e tiene presente tutto ciò che più serve per la preparazione alle università di tutto il mondo (i programmi dell’esame finale di Baccalaureato vengono rivisti frequentemente).

Il curriculum scolastico dell’ISP si compone di 12 anni di scuola a partire da 6 anni di età, il curricolo italiano ne prevede 13.

Il diploma finale è riconosciuto e apprezzato in tutto il mondo, anche dalle università più prestigiose.

Molte scuole nazionali nel mondo hanno anche questo curriculum, proprio perché apre automaticamente le porte del mondo: avere una scuola con questo curriculum è un valore aggiunto per l’Istituto, dà prestigio e riconosce serietà.

 

Inoltre:

Il metodo didattico è per definizione interattivo: il docente fa ricerca con gli studenti, propone, stimola, interessa, coinvolge.

La valutazione è rigorosa perché basata su criteri certi e oggettivi, per capire punti di forza e di debolezza di ogni studente in ogni singola disciplina.

Il percorso scolastico è studiato in modo da venire incontro alla necessità di educare i cittadini del 21° secolo nella complessità del mondo globalizzato e tecnologico; i punti di forza sono: l’interculturalità, la necessità di imparare a stare con gli altri e la necessità di imparare per imparare ancora nella consapevolezza che le risorse del pianeta non sono infinite.

In definitiva si imparano metodi di studio più che nozioni, si legge molto per riflettere e capire, si sperimenta molto per capire e creare innovazione.

 

ISCRIZIONI ISP 2017-18

Le iscrizioni all’ISP per l’anno scolastico 2017-18 sono iniziate. Le classi vengono formate sulla base degli iscritti al 31 marzo 2017.

presentazione ISP 2017-18 e futuro

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *